Il noce non esiste più, e difficile è anche identificare  il luogo ove sorgeva… tuttavia gli anziani del paese concordano  sulla zona a sud di Moruzzo, in un luogo detto “rivate”: le ultime alture sopra il torrente Volpe, verso Martignacco.

La rosade di San Zuan

Dongie la vile di Moràºz in tun pradissà­t a pîs des colinis al è un cocolâr che al à  une vore di ains. Si viodilu di lontan parsore dute la campagne, e sa lis radrîs che iessin de tiare gropolosis e scuris si pò sintasi in ombrene.

’E ven primevere: fine a fres'cine ‘e salte fur la iarbe pal prât, si sbilancizin lis cisis, e i pomârs de coline e' sflorissin che pâr une neveade: ma il cocolâr sut, indurît pâr che nol vedi né umôr né vite.

Ven l’istât: svolin ciantà nt i ucelàºz tal folt de campagne, ‘e iè alte la iarbe dal prât, e parsorevie a secònt de bavesele ’e spachin lis lor semenzis iu frosc' del squâl, ma il cocolâr né che al bute né che al mene e al è ancimò cui ramà z inrimpinìz, neri e ruspiôs come che al fòs inglazzât in te so scusse d'unviâr.

Il viandà nt ch'al passe par lenti, al ciale chel brut arbossà t e al dîs: «Butailu fûr, fait tantis stielis, e che al vadi sul fûc». Ma il contadin dal paîs che da une man di ains al è usât a vedelu al rispuà­nt: «Lassà it che vegni la rosade di San Zuan!».

'E ven la gnot di San Zuan. ’E ies la int des ciasis e si sparnizze pei prâz e pes colinis a piâ la rosade. Distirâz te iarbe a lusôr di lune, cui pree, cui dante, cui conte la storie del sant. Avodât dal pari a prediciâ la redenzion devà nt di Erode re, san Zuan al difindeve il so pùor paîs. San Zuan diziun e nût nol veve paure a condanâ i peciâz di Erode in trono. Lu à n mitût in preson, 'i à n taiât il ciâf, ma la so peraule ’e iè restade.

In te gnot di San Zuan il cocolâr di Moràºz al bute fûr lis fueis e al imanie lis còculis.

'E iè ché rosade che à  virtût di falu menâ, ma ancie in ché gnot il squâl al piart dute la so semenze. ’E si dîs che sedin i ciavalàºz dal diaul che vegnin a spacâ iu frosc' par mètisi vie la vene.

Il squâl al è lizerà­n, al volte fazze di dutis lis bandis secònt che al spire il vint. La rosade di San Zuan che fâs rivivi il cocolâr ’e iè tuessin pai frosc’!

Int senze coragio che vês paure a dî la veretât, int timide e vîl, no stait a lâ fûr in ché gnot, parcé che su la tiare in ché gnot al è il sane di San Zuan che al cole in rosade.

(Questo racconto è stato raccolto da Caterina Percoto, scrittrice e poetessa friulana, detta la “contessa contadina”, nata a San Lorenzo al Torre nel 1812 e lì morta nel 1887.

Tratto da “Nuova antologia della letteratura friulana” di Gianfranco d’Aronco – vol 2 -  Ribis edizioni – Udine – 1982)

Iniziative in corso

giovedì 30 aprile 2015

Cammina, respira, ama le montagne e le parole e anime in volo

Flavia Facchini e Fabiano Codutti presentano Cammina, respira, ama le montagne e le parole e anime in volo. Ore 20:45 presso la Sala Consiliare del Comune di Moruzzo dettagli »
sabato 24 gennaio 2015

Locandina iniziative a Moruzzo mese febbraio 2015

Le iniziative del mese nella pagina interna dalla quale si puo' sfogliare il documento in pdf, con tutte le news, iniziative ed eventi per il mese di febbraio 2015dettagli »
domenica 18 maggio 2014

Festa di Primavera

Piante, fiori, prodotti locali, gastronomia, nella più bella terrazza del Friuli.dettagli »
sabato 17 maggio 2014

Presentazione "Giardini aperti" e conferenza collegata

Sabato 17 maggio ore 18:30 - Presentazione della sesta edizione di “Giardini aperti “ e conferenza “Scopriamo i giardini segreti del Friuli Venezia Giulia” a cura di Giulia Boron dettagli »
mercoledì 14 maggio 2014

Online la locandina delle iniziative maggio-giugno 2014

Tutte le iniziative del Comune di Moruzzo, culturali e delle associazioni nel documento disponibile alla pagina interna.dettagli »
martedì 29 aprile 2014

Trovata una Emys Orbicularis a Moruzzo!

La Emys Orbicularis è una simpatica e vivace tartaruga trovata oggi 29 aprile tra Modotto e Brazzacco; la tartaruga stava attraversando la strada provinciale....dettagli »